Tartarughe, Università di Torino e le nuove tecnologie